lia bucci, starsandthecity.net, starsandthecity

Ariete: autunno di scintille. Grazie a Saturno, Urano, e altri prodigi

A grande richiesta, arriva un post dedicato esclusivamente al segno dell’Ariete.

A quanto pare, stando ai tanti messaggi ricevuti, i rappresentanti del segno vivono un periodo di difficoltà. E le persone intorno a loro ne risentono. Tanto che i messaggi di protesta che leggo, non vengono scritti dagli Ariete, che se ne stanno in religioso silenzio, ma da chi li frequenta: coinquilini, fidanzati, parenti, mogli e mariti ( soprattutto).

Ma cosa c’è che non va?

C’è che il cielo si è fatto impegnativo per questo segno, ma lo era già da dicembre 2017. Dal 20 dicembre scorso, infatti, Saturno ha iniziato a fare aspetto di quadratura con il Sole e con tutti i valori in Ariete, che abbiamo nel Tema Natale. Se può consolarvi, ho una quadratura alla Venere anche io…

Accade quindi che l’impulsività e l’irrazionalità, che questo segno dona a chi è nato tra il 20 marzo e il 21 aprile, e a chi ha uno più valori in Ariete, ultimamente vengono punite. Perché è ora di crescere, di imparare la sofisticata arte della pazienza, e soprattutto perché gli ardori in eccesso sono consentiti a chi è acerbo, giovane o giovanissimo. 

Tutti gli altri, e mi ci metto anche io, siamo chiamati a diventare “maturi”. 

Maturità significa imparare ad aspettare, sapersi controllare (ahi ahi), non ragionare con la pancia. Non pretendere tutto e subito. Essere capaci di osservare lucidamente una situazione e poi, comportarsi di conseguenza. Invece di partire a razzo, e poi, in caso, fermarsi a ragionare, quando i passi falsi sono troppi, e non si sa più dove è andata talmente male da lasciar perdere,  e dove si può recuperare qualcosa. 

Tempo di scintille.

E cosa fa l’Ariete quando viene messo alle strette? Si innervosisce. Diventa irrequieto. Si infuria per un nonnulla. Esplode per un quarto d’ora, poi sbollisce. E dopo momenti di tregua, più o meno lunghi, ri-esplode per il successivo nonnulla. Oppure,    quando va bene, sbatte la porta e se ne va.

Oltre all’energia disordinata e nervosa che espande intorno a se, c’è un problema di fondo. L’ariete ripete ciclicamente i suoi comportamenti e i suoi errori ( che conosce abbastanza bene) senza mai, o quasi, riuscire ad interrompere la “coazione a ripetere”.

Per uscire dalla ruota della karma bisogna fermarsi e non assecondare l’impulso.

Perché l’impulso ad agire, per loro, è talmente impetuoso che non può non essere assecondato. Per questo motivo hanno reali difficoltà a cambiare certi schemi. Per questo atteggiamento fanciullesco e ingenuo, proprio di un segno il cui motto è “intanto inizio, poi si vede”  patiscono l’aspetto spigoloso ed altamente evolutivo di Saturno in Capricorno.

Saturno/ kronos è il signore del tempo. Il signore  delle cose mature  “al punto giusto”.

 Il quadro dovrebbe essere chiaro e voi, ormai, sapete quello che volete.

Quindi, e mi rivolgo soprattutto a voi della prima decade, fermatevi un attimo, fate il famoso respiro profondo (anche una decina vanno bene) e fate il punto della situazione. Saturno infatti, impone scelte fatte con responsabilità e lungimiranza. tutto quello che trascurate di fare volontariamente, verrà presentato come obbligo, fra qualche mese. Quando Giove entrerà in Sagittario, e metterà in evidenza il buono e il cattivo che avete concluso. Tanto vale farlo adesso, alle vostre condizioni, e non quando la lezione da imparare si presenterà sotto forma di problema.

Dal 2010 Urano in ariete e Plutone in Capricorno: siete profondamente cambiati.

Gli ultimi 8 anni, grazie a Plutone e Urano, sono stati, lasciatemelo dire, catartici. Sicuramente non siete più le persone spensierate che eravate, quando questi due colossi del cielo, così lontani ma così potenti, si sono incontrati nel cielo. Non sempre in maniera amichevole. Il lavoro di comprensione, trasformazione e rivoluzione, ormai è terminato. Ora è tempo di agire di conseguenza. Da novembre Urano ritornerà per l’ultima volta nel vostro segno, a raccogliere le ultime cose da portare via.

Mirate all’essenziale.

Tagliate i fronzoli, le situazioni che rimangono in piedi per vanità, mirate all’essenziale.

Abbiate il coraggio di chiudere o lasciar andare cose/ persone/ situazioni, che non amate più ma che trascinate per mancanza di coraggio. Le azioni oneste vengono sempre premiate dall’universo. Un nuovo inizio, felice e pieno di energia, è dietro l’angolo, se sarete giudiziosi, autentici e responsabili.

Prima di prendere decisioni, aspettate e ascoltate il cuore. Vale la pena di vivere solo ciò che vi rende felici, che vi anima, anche se richiede qualche sforzo in più. 

Questo è il tempo di fermarsi e di guardarsi dentro, per essere onesti, guardare i propri sbagli, e pulire il campo dagli errori del passato.

Dal 9 novembre, Giove in Sagittario porterà una ventata di aria nuova. A Giove si unisce Urano, che dall’8 novembre farà il suo ritorno in Ariete, per l’ultima volta. Poi impiegherà 84 anni circa per compiere l’intero giro dello zodiaco, e rientrerà in Ariete nel 2100 circa. Urano torna per raccogliere le ultime cose da portare via. Unito a Giove in Sagittario, inaugurerà realmente una nuova vita per molti, ma soprattutto per gli Ariete e per gli altri segni di fuoco. Fate in modo che possiate accoglierla a braccia aperte, cuore lieve e mente libera. 

 

Namaste

 

Lia Bucci

Privacy Policy Cookie Policy
Don`t copy text!