Urano, starsandthecity,

Urano, il signore degli avvenimenti imprevisti

Ultimamente si parla tantissimo di Urano per via del suo ingresso nel segno del Toro. Ma chi è Urano? Perchè c’è tanta attesa e timore, per l’arrivo della sua energia in un nuovo segno zodiacale?

Urano è l’unico pianeta ad avere un moto del tutto irregolare. Il suo domicilio è nell’individualista segno dell’Acquario, del quale esprime tutta l’originalità e la portata rivoluzionaria. Il pianeta trova la sua esaltazione nel segno dello Scorpione, il suo esilio in Leone, mentre la sua caduta è in Toro.

Urano rappresenta l’energia che rompe gli schemi. L’elettricità, la capacità di cogliere le occasioni al volo, l’opportunismo, la mobilità, la velocità, l’irrequietezza. Nel tema personale, indica anche la dose di nervosismo che riusciamo ad esprimere, quando in noi sale la tensione. Se Urano è dominante, siamo sicuramente portatori di alta tensione. Almeno nei settori coinvolti dal pianeta.

Ma da solo può fare ben poco.

Il settimo pianeta del sistema solare, impiega circa 84 anni per compiere una rivoluzione completa intorno al Sole, sostando su ogni segno zodiacale, in media, 7 anni.

In questo lasso di tempo, rompe gli schemi preesistenti al suo ingresso, e genera crisi nel settore in cui agisce, per consentire all’umanità e ad ogni singolo individuo, di reinventarsi. Ma anche di confrontarsi con se stesso. Urano resta sempre il pianeta dell’opportunità, del cogliere al volo occasioni importanti, e permette di misurarci con le nostre rigidità e i nostri limiti personali e globali.

L’ultimo ciclo di Urano, 1 aprile 1927- 13 marzo 2011. Com’è cambiato il mondo?

Il precedente ciclo di Urano, durato 84 anni, si è concluso il 12 marzo 2011, giorno in cui il pianeta ha lasciato definitivamente il segno dei Pesci, chiudendo la sua rivoluzione intorno al Sole, iniziata il 1 aprile 1927. E’ interessante notare che quando Urano fece il suo ingresso nel precedente ciclo, il 1 aprile 1927, Plutone il signore della trasformazione, sostava nel segno del Cancro, congiunto al Nodo Nord, simbolo della madre, dell’infanzia, della femminilità e della famiglia, e quando Urano ha concluso il suo giro intorno ai 12 archetipi zodiacali, Plutone era nel segno del Capricorno, simbolo del padre, della responsabilità, della maturità, del lavoro.

Ipotizzo dunque che negli ultimi 84 anni, attraversati da guerre mondiali, guerre razziali, rivoluzione tecnologica, sociale, e sessuale, ciò che di fondamentale si è trasformato è il concetto di “Padre”e “Madre”, e di “Maschile” e “Femminile”, e di famiglia e lavoro.

Le masse rappresentate da Nettuno, nel 1927 nel segno del Leone,  si sono trasformate da individualiste e chiuse in una torre d’avorio personale, all’epoca costituita dalla famiglia, a sociali e intecornesse tra loro, grazie a Nettuno nell’opposto segno dell’Acquario.

 

Il Nodo Nord, quando Urano è uscito dall’Ariete, transitava in Sagittario. Rispetto a quando ciclo è iniziato, e la legge del karma, spingeva a concentrasi sulla famiglia e sulla patria, ora bisognava dare attenzione a ciò che è lontano da noi, alle questioni multirazziali.

L’individuo è uscito dal guscio famigliare in cui era chiuso alla fine del 1920, e ora deve fare un lavoro di inclusione e cooperazione verso chi è nato lontano da lui.

Urano e i cambiamenti improvvisi

Urano è molto temuto. Si dice sia il pianeta dei fulmini a ciel sereno, che scateni avvenimenti imprevisti nella vita delle persone. Si narra che quando transita sul punto focale del Tema Natale di qualcuno, scateni un’energia improvvisa, rivoluzionaria e non sempre benefica.

A mio parere, le previsioni catastrofiche appartengono ad un modo desueto di fare astrologia. Inoltre questo pianeta da solo, non ha l’energia per mandare all’aria nulla, o quasi. Vero è invece, che, transitando su un cielo già dinamico e complesso per via di altri pianeti, più forti e più vicini al Sole, possa fare da ago della bilancia. In questo caso può davvero dare il là, perchè una situazione già sufficientemente barcollante, arrivi al punto di rottura.

Ma, appunto deve venire a crearsi la condizione necessaria, o “la tempesta perfetta”.

Dal punto di vista evolutivo, Urano combatte la nostra resistenza al cambiamento. Si dice che chi non cambia mai, chi reitera sempre gli stessi comportamenti, diventi vecchio a qualunque età. Urano dal punto di vista evolutivo mantiene giovani, allena alla resilienza.

Un appropriato lavoro di consapevolezza su se stessi, un costante allenamento alla presenza del “qui e ora”, può risultare un buon ausilio per affrontare passaggi rivoluzionari. Mantenersi elastici, flessibili, e controllare le proprie manie di controllo, può aiutare molto, quando Urano si allinea in maniera particolarmente stimolante, ai pianeti presenti nel nostro cielo.

Ovviamente si tratta più di uno stile di vita da adottare, che un rimedio dell’ultimo minuto, perchè si sa, la flessibilità e l’attitudine a rinnovarsi, sono un atteggiamento e un modo di essere e non una maschera.

Facile a dirsi, meno facile a farsi, ma è la chiave per attraversare le tempeste perfette della vita, senza ammaccarsi più di tanto.

 

 

 

 

 

Privacy Policy Cookie Policy
Don`t copy text!